Chi siamo
Contatti
Curarsi con le erbe
Italiano
English

Il tè matcha: come prepararlo e quali sono i suoi benefici

 Il tè matcha viene ottenuto dalle qualità più pregiate di tè verde giapponese. Ricco di antiossidanti, vitamine e sali minerali migliora la memoria e risulta un importante supporto nei momenti di grande stress.

Di tè verde esistono molte qualità: infatti, anche se la pianta da cui viene raccolto è sempre la stessa, la Camelia Sinensis, può variare il periodo della raccolta, la zona, il metodo di lavorazione. Uno dei tè verdi più gustosi e pregiati è il tè matcha, che non si presenta come gli altri tè le cui foglioline vanno lasciate in infusione, ma è invece una polvere dall'intenso colore verde smeraldo da disciogliere in acqua. Il tè matcha viene ottenuto dalle migliori qualità di Gyokuro, uno dei tè verdi più pregiati di provenienza Giapponese, e sbriciolato. La polvere di tè matcha viene bevuta insieme all'acqua e non filtrata come invece accade per le foglie. In questo modo, assumendo direttamente il tè, si godono appieno i suoi benefici cosa che invece non avviene con l'infusione dove molti elementi importanti per la nostra salute rimangono sulle foglie. Questo tipo di tè contiene una grande quantità di antiossidanti, è poi ricco di vitamine, in particolare la vitamina C e le vitamine del gruppo B e K, e sali minerali quali ferro, calcio, potassio, zinco, rame, magnesio, fosforo. Il tè matcha, grazie a queste caratteristiche, abbassa il livello di zuccheri e colesterolo nel sangue, diminuisce lo stress e migliora la capacità di concentrazione, ha proprietà diuretiche e disintossicanti. Non solo, il tè matcha si sta rivelando anche un alleato nella prevenzione dei tumori grazie a un antiossidante in esso contenuto, EGCG (l’epigallocatechina gallato), come dimostrato da molti studi scientifici.

Preparazione del tè matcha: per prima cosa accertati della provenienza biologica e dell’assenza di metalli pesanti e radionuclidi, in questo caso è particolarmente importante perchè il tè viene anche ingerito completamente. Poi disciogli una punta di cucchiaino di polvere di tè in una tazza di acqua, che può essere calda, senza però mai superare i 60°, o più fredda, in quest’ultimo caso però il tè deve essere di ottima qualità altrimenti non si scioglierà.  Vista la presenza di caffeina è sconsigliato bere il tè matcha nelle ore serali.

Desideri conoscere altri rimedi naturali ? Scarica la nostra app Rimedi Naturali